Bujinkan Swiss Dojo Uster | Nel Dojo
Seminare, Bujinkan, Swiss Dojo Zurich, Pietro Luca, Dr. Maasaki Hatsumi, Kampfkunst
Bujinkan Swiss Dojo Zürich Schweiz, Ninjutsu, Nicole Hammer, Pietro Luca, Shihan, Kampfsport, Kampfkunst, Kampfsport Schule
16805
page-template-default,page,page-id-16805,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Nel Dojo

Saluti e saluti: gli studenti si siedono davanti al maestro nel seggio “Seiza” in base alla loro laurea (da destra a sinistra). Il maestro si gira verso il santuario, alza le mani piegate alla testa e dice “Shikin Haramitsu Daikomyo”, che gli studenti ripetono e battono due volte la mano in sincronia con il maestro. È seguito da un arco congiunto, siediti ed è battuto e piegato ancora una volta nelle mani.

Ora arriva l’accoglienza del Maestro. Il maestro si rivolge di nuovo agli studenti, lo studente di livello più alto impartisce l’istruzione “Sensei ni rei” (Saluti l’insegnante, o la versione lunga “Shisei o tadashite Sensei ni rei” Guarda l’insegnante e lo saluta). e tutti si inchinano di nuovo, gli studenti dicono “Onegai shimasu” (Per favore all’inizio).

Il detto “Shikin Haramitsu Daikomyo” significa qualcosa come una richiesta di protezione e illuminazione, e si suppone che l’applauso bandisca gli spiriti maligni e / o risvegli quelli buoni in base alla fede di quel tempo.

Questi rituali possono variare da dojo a dojo. Ad esempio, con una breve fase di meditazione o concentrazione, che inizia con “Mokuso” e termina con “Mokuso Yame”.

Bow: Before the training starts with the partner, it is polite to make a small bow. Allo stesso modo alla fine dell’esercizio, se si passa a un altro compagno di allenamento.

Domo arigato gozaimashita (grazie per la lezione).